• Italiano
  • English

Missione

VISIONE
Il Dipartimento di Scienze Chimiche della Vita e della Sostenibilità Ambientale integra in un quadro armonico e sinergico le attività cardine della vita Universitaria: ricerca - formazione - terza missione. L'interazione e la collaborazione fra ricercatori e docenti con competenze diversificate ed altamente qualificate pone le basi per approcci innovativi ed integrati alle grandi sfide che attendono il pianeta. Gli studenti dei Corsi di Laurea del Dipartimento avranno accesso ad insegnamenti tenuti da docenti a livello europeo e internazionale e potranno usufruire di moderni laboratori attrezzati per sperimentazioni che coprono settori di ricerca che spaziano dalla chimica alla biologia alle scienze naturali e geologiche, per lo studio della materia e delle sue trasformazioni, dei sistemi viventi, delle risorse naturali. Particolare attenzione è rivolta all'uso delle risorse ambientali per lo sviluppo sostenibile, allo scopo di formare una nuova generazione di laureati responsabili e attenti alle sfide del nuovo millennio.
La divulgazione e il trasferimento tecnologico, cuore della terza missione, sfruttano il ricco e variegato ambiente culturale del Dipartimento per arricchire la cittadinanza, le istituzioni, le realtà produttive del territorio.
 
MISSIONE
Il Dipartimento si pone l'obiettivo ambizioso di contribuire al progresso delle conoscenze delle singole discipline e degli aspetti inter-e multidisciplinari che permettano di affrontare i problemi più rilevanti della società moderna. La chimica, le scienze della terra, le scienze della vita e la biologia nelle loro molteplici forme, fino a toccare l’ambito agroalimentare, saranno declinate per sviluppare nuovi metodi e concetti verso la sostenibilità ambientale, in linea con le dichiarazioni d’intenti dello Statuto dell’Università degli Studi di Parma, nella consapevolezza che non può esistere uno sviluppo economico sostenibile senza il rispetto e il mantenimento dell’ambiente basati sulla conoscenza delle componenti viventi e non viventi. La sostenibilità è uno dei pilastri portanti del Dipartimento, e svolge un ruolo trasversale alle diverse aree di ricerca che includono nuovi materiali, nuove tecnologie "verdi”, nuove tecniche d’indagine e
modelli di previsione dei sistemi biologici e geologici. Il Dipartimento si propone come volano per le attività economiche del territorio e tra queste quelle del comparto dell’agro-industriale ed alimentare, nonché per le attività legate alla produzione di energia, alla gestione del ciclo dei rifiuti e alla realizzazione di nuovi materiali e dispositivi perla sensoristica.
La qualità dei docenti afferenti al nuovo Dipartimento è la migliore garanzia del livello della ricerca e della formazione in strutture che includono aule, laboratori, musei e centri di trasferimento tecnologico. Il consolidamento della qualità della ricerca e della didattica e della visibilità sarà uno dei primi obiettivi del Dipartimento, cosi come la promozione di una cultura della comunicazione verso gli studenti e gli stakeholder. Vista la presenza a Parma di strutture storiche di grande rilievo per l’insegnamento e la ricerca nelle scienze della natura e dell’ambiente, sarà strumentale alla missione del Dipartimento la stretta vicinanza con l'Orto Botanico e i Musei di Storia Naturale, di Paleontologia e Mineralogia. Il Museo di Cristallochimica testimonierà l’eccellenza della scuola di Parma in campo cristallografico.
Le attività già in corso nei Dipartimenti dei docenti afferenti vedranno una naturale continuità nella nuova struttura e troveranno nuovo impulso nella cooperazione con altri gruppi e Corsi di Studio. l Dottorati di Ricerca contribuiranno in modo determinante alla formazione dell’eccellenza nel campo della ricerca.
Il Dipartimento indirizza l'azione amministrativa avendo come finalità l'assicurazione della qualità nella didattica, ricerca e terza missione, ritenendo strategico a tal scopo un indirizzo verso la qualificazione del personale anche attraverso l’individuazione di obiettivi di performance.
Pubblicato Venerdì, 5 Aprile, 2013 - 12:48 | ultima modifica Lunedì, 19 Dicembre, 2016 - 11:02